prestinenza.it
 

Arte e architettura

Luigi Prestinenza Puglisi 26 maggio 2014 L'opinione di lpp 1 commento su Arte e architettura

Quando si dice che l’architettura è arte non si intende che l’architettura debba essere simile alla pittura o alla scultura.

Si dice solo che l’architettura, come tutte le altre attività del pensiero, sarebbe monca se non avesse una intenzionalità, una proiezione, una volontà estetica. In questo senso anche l’attività scientifica è arte, anche il design è arte, anche il vestire e il cucinare sono arte.

Una moderna consapevolezza estetica sa bene che non esistono arti minori e arti maggiori, ma solo arti tra loro differenti.

Esistono però opere maggiori e opere minori a seconda del valore estetico che ciascuna opera riesce a veicolare.

Una saliera, se disegnata da Benvenuto Cellini, può essere esteticamente molto più rilevante di una scultura disegnata dal Giambologna, se vogliamo restare a un celebre esempio che fece Giulio Carlo Argan in una pagina indimenticabile della sua storia dell’arte in cui definì la prima un monumento da tavola e la seconda una saliera da piazza

About The Author

avatar

Luigi Prestinenza Puglisi. E’ nato a Catania nel 1956. Fa il critico di architettura. E’ il direttore della rivista on line presS/Tletter. E’ presidente dell’Associazione Italiana di Architettura e Critica (www.architetturaecritica.it ) ed è il curatore della serie ItaliArchitettura ( Utet Scienze Tecniche), una raccolta dei migliori progetti realizzati dagli architetti italiani negli ultimi anni. Da non perdere la sua Storia dell’architettura del 1900 che si può scaricare gratuitamente dal sito www.presstletter.com ed ha una pagina facebook: https://www.facebook.com/pages/La-storia-dellarchitettura-contemporanea-di-lpp/289706921182644. Ha scritto numerosi libri. Quello a cui tiene di più è: HyperArchitettura, (Testo&Immagine 1998). Quello che ha venduto di più è: This is Tomorrow, avanguardie e architettura contemporanea (Testo&Immagine, 1999). Quello che avrebbe voluto che vendesse di più è: Introduzione all’architettura (Meltemi, 2004). Quello che ha avuto le migliori recensioni: New Directions in Contemporary Architecture (Wiley, 2008). E poi vi è il recentissimo: Breve Corso di scrittura critica (Lettera 22, Siracusa 2012) destinato a tutti coloro che vogliono scrivere di architettura. Chi non volesse spendere gli 8,90 euro che costa, lo può leggere gratuitamente on line su www.presstletter.com

1 Comment

  1. lorenzo vittore 10 giugno 2014 at 15:42

    Anche se alle volte trovo che si è fatta gran confusione tra questi due termini e la stessa confusione l’hanno fatta gli stessi artisti che non sempre con risultati felici hanno a tutti i costi voluto realizzare delle sculture “abitabili” e gli architetti che a loro volta vogliono sempre presenti alle mostre d’arte con loro installazioni come pretesa di concetti sulla contemporaneità e loro vetrina di pensiero, ma spesso forzata e forzosa

Leave A Response