prestinenza.it

L’opinione di lpp

Architettura del racconto: prime riflessioni

Architettura del racconto: prime riflessioni

Architettura del racconto (1) Il racconto si differenzia dalla teoria perchè non lavora per rigide coerenze ma per corrispondenze, il risultato non è la dimostrazione di un teorema ma la scoperta di un punto di vista inaspettato. Credo che a coloro che rivendicano una costruzione teorica dell’architettura bisogna opporre la pluralità degli intrecci delle storie [...]

febbraio 5, 2016 Luigi Prestinenza Puglisi L'opinione di lpp 0

Hypermagazine

Hypermagazine

Hypermagazine Ecco alcuni fatti: 1) le riviste di architetture chiudono o boccheggiano perché le comprano un numero sempre minore di persone; 2) le riviste di architettura internet proliferano ma sono gestite quasi sempre su base volontaria. Ogni giorno ne esce una nuova ma non fanno soldi e quindi dopo un po’ tendono a chiudere; 3) [...]

agosto 29, 2015 Luigi Prestinenza Puglisi L'opinione di lpp 0

Arte e architettura

Arte e architettura

Quando si dice che l’architettura è arte non si intende che l’architettura debba essere simile alla pittura o alla scultura. Si dice solo che l’architettura, come tutte le altre attività del pensiero, sarebbe monca se non avesse una intenzionalità, una proiezione, una volontà estetica. In questo senso anche l’attività scientifica è arte, anche il design [...]

maggio 26, 2014 Luigi Prestinenza Puglisi L'opinione di lpp 1

Il critico non deve convincerti

Il critico non deve convincerti

Credo che la peggiore stupidaggine per un critico sia pensare che egli debba convincere qualcuno. Stupidaggine perché presuppone che da un lato ci sia chi abbia delle opinioni (appunto: il critico) e dall’altro chi non le abbia e quindi penda dalle sue labbra. Il critico lancia idee, muove il dibattito, propone punti vista, fa notare [...]

maggio 5, 2014 Luigi Prestinenza Puglisi L'opinione di lpp 0

Democratizzazione della critica?

Democratizzazione della critica?

  La crisi delle riviste e il successo di internet sta cambiando la critica. Nel senso che chiunque può oggi aprire un blog dicendo la propria e chiunque può intervenire nel dibattito sui social media. D’altronde si ha sempre meno fiducia, e a ragione, dei critici di mestiere. Perché si sono rivelati marchettari, venduti, succubi [...]

aprile 22, 2014 Luigi Prestinenza Puglisi L'opinione di lpp 0

Il coraggio chi non ce l’ha non se lo può dare

Il coraggio chi non ce l’ha non se lo può dare

La mancanza di coraggio è la condizione esistenziale di gran parte dell’architettura italiana di oggi. Che elogia la grigia funzionalità e il buon senso perché ha paura di confrontarsi con il tema dell’ innovazione. E di una critica codina che starnazza affermando che la creatività è tutto un imbroglio, che l’architettura deve essere rigorosa, che [...]

aprile 14, 2014 Luigi Prestinenza Puglisi L'opinione di lpp 2

Zevi e il famolo strano

Zevi e il famolo strano

Tra le varie stupidaggini che girano su Zevi c’è quella che fosse attratto dalle architetture inconsuete, bislacche, deformi. Si tratta di una visione caricaturale, non so quanto in mala fede e comunque funzionale al ragionamento di coloro che, invece, propugnano il ritorno all’ordine, alla banalità e alla mediocrità cercando di farlo passare come l’unica strada [...]

aprile 8, 2014 Luigi Prestinenza Puglisi L'opinione di lpp 0

Non forma e paura

Non forma e paura

Proviamo a fare una ipotesi: che la paura nasca dalla non-forma. Non riesco a pensare a nulla di più angosciante di uno spazio dove ogni cosa è indistinguibile dalle altre. Non alludo ovviamente a un tutto parmenideo che riduce il cosmo a una unità indifferenziata e senza divenire, come vorrebbe Emanuele Severino: in fondo questo [...]

aprile 3, 2014 Luigi Prestinenza Puglisi L'opinione di lpp, Questioni di teoria 0

Mediamente

Mediamente

E’ proprio vero che l’architettura dell’età dell’elettronica debba avere forme complicate, bloboidali, neofuturiste? L’equivoco è probabilmente basato sul fatto che gli architetti, i quali hanno formato o risentono del clima decostruttivista, hanno ampiamente utilizzato il computer nelle loro rappresentazioni. F. O. Gehry, l’autore del celeberrimo museo Guggenheim di Bilbao, per esempio, usa Catia, un programma [...]

aprile 2, 2014 Luigi Prestinenza Puglisi L'opinione di lpp 0

Il peso della materia

Il peso della materia

Credo che oggi due diverse concezioni dell’architettura si fronteggiano. La prima tesa alla smaterializzazione dei corpi, alla ricerca della trasparenza e dei cosiddetti flussi. La seconda, più grave, fatta di corpo, sostanza, materia, massa. Nell’Expo svizzero dell’anno scorso le due concezioni erano rappresentate da altrettante architetture: la nuvola di Diller & Scofidio e il monolite [...]

aprile 1, 2014 Luigi Prestinenza Puglisi L'opinione di lpp 0